sffsd


L'allevamento a mano è molto diffuso con i pappagalli di tutte le grandezze compresi i nostri piccoli amici inseparabili!!!
Alcune volte si deve allevare a mano per necessità... in caso di abbandono, fuga o morte dei genitori. Ovviamente molti allevatori lo fanno anche senza queste condizioni ma semplicemente per renderli docili .
Questo procedimento consiste nel prelevare il piccolo dal nido ancora piccolo e finire lo svezzamento con una formula da imbecco. Per fare ciò si deve essere esperti: per chi è alle prime armi consiglio di farsi seguire da un allevatore con un po' di esperienza e che possieda tutte le attrezzature necessarie. In primis serve una camera calda in modo da tenere l'ancor fragile pullo ad una temperatura costante giorno e notte. Successivamente bisogna imboccarlo diverse volte al giorno, la pappa deve essere somministrata ad una temperatura che va dai 38 ai 40 gradi ne più ne meno! Se il pulcino viene preso prima dei 20 giorni è obbligatorio nutrirlo anche 5 volte al giorno, In particolare si deve seguire questo schema:
dai 05 ai 20 giorni di età n°5 imbeccate al dì
dai 20 ai 30 giorni di età n°4 imbeccate al dì
dai 30 ai 40 giorni di età n°3 imbeccate al dì
dai 40 ai 45 giorni di età n°2 imbeccate al dì
dai 45 ai 50 giorni di età n°1 imbeccata al dì


Materiale occorrente:

Camera calda
Formula da Imbecco
Set siringhe da 5 ml
Contenitori in plastica di varie misure
Termometro per alimenti
Carta assorbente
disinfettante per biberon o tettarelle.

Allevare a mano è una pratica che richiede tempo e denaro, i primi giorni non ci si puo' assentare piu di 4 ore ...ma alla fine i risultati ripagano i sacrifici fatti per più di un mese!
Si nota subito un allevato a mano da uno svezzato dai genitori. Il primo, infatti, non ha paura dell'uomo con cui instaura un rapporto di fiducia. La spalla è il suo posto preferito, gradisce i grattini e curiosare per casa....ovvio che ogni agapornis nasce con proprio carattere e personalità:  chi piu calmo, chi più giocherellone e chi più  mordace, cosa importante è avere grande rispetto per questi piccoli e intelligenti animali ....alla fine donando amore si verrà ricambiati sempre con amore....


Consigli per chi decide di acquistare un agapornis allevato a mano:
Allevando a mano si toglie dal pappagallino la paura verso le persone .....ma la fase di addomesticamento  tocca al nuovo proprietario , sui vari siti internet ci sono tanti consigli per avere un pappagallino felice.
Ho ricevuto tempo fa una mail da Ilaria ,una ragazza che ha acquistato una femmina di roseicollis lutina  di nome Iside  , penso contenga preziosi consigli per chi ha scelto come animale da compagnia un inseparabile
Iside (in foto Iside)
1) Attenzione ad orecchini e catenine troppo sbrilluccicanti che attraggono in modo considerevole i pappagalli, nel tentare di afferrarli possono infatti mordere.
2) Se il pappagallo sta facendo qualcosa che non si vuole che faccia, esempio smangiucchiare un fiore o afferrare una catenina mai agire direttamente sul pappagallo scostandolo perchè lo fa innervosire e può beccare, piuttosto attirare la sua attenzione su un altro oggetto es: un giochino da fargli ciondolare davanti agli occhi. Lo seguirà subito e otterrete il vostro scopo.
3) Evitare i movimenti bruschi. Ho notato infatti che alcuni miei amici per accarezzare Iside mettevano il dito fra le sbarre e lo ritraevano subito più volte, cosi facendo Iside associa il movimento ad un gioco e afferra troppo velocemente il dito facendo male al malcapitato.
4) Evitare situazioni caotiche all'animale. Quando la casa si riempie di gente soprattutto la sera è meglio portare iside in un'altra stanza dove può stare tranquilla. Evitare soprattutto di lasciare libero il pappagallo quando c'è troppa gente. Ricordarsi sempre che oltre a non poter prevedere le reazioni del pappagallo non sono prevedibili neppure le reazioni degli ospiti.
5) Per far rientrare Iside in gabbia io uso sempre l'espediente di attirare la sua attenzione con un giochino fino a farla entrare direttamente in gabbia per afferrarlo
6) Di fronte ad un morso se non eccessivamente doloroso è meglio non ritrarre la mano ma tranquillizzare l'animale che cambia subito e passa a leccare. Nei primi mesi infatti penso che i pappagalli non sappiano dosare bene la forza: quelli che per noi potrebbero essere interpretati come morsi per loro potrebbero essere gesti di affetto pertanto sgridarli troppo energeticamente potrebbe indurre un cattivo imprinting .
7) Mai forzare un animale ad uscire dalla gabbia piuttosto aprire lo sportellino e aspettare con il braccio fuori che faccia il primo passo verso di voi. In questo modo penso che l'animale si senta padrone di decidere da solo e associ l'ambiente esterno come un posto sicuro.
8) Mai afferrare l'animale e stringerlo per gli stessi motivi visti sopra.

Mi permetto di aggiungere altre considerazioni  :    
-I miei allevati a mano sono stati allevati in gruppo ,in modo da avere un pappagallino docile ma non snaturato del tutto ,cosi se  un giorno si decidererà di accoppiarli non avranno problemi ad accettare il nuovo compagno ....
-Solitamente  la femmina è più territoriale rispetto al maschio....in quanto in età adulta potrebbe entrare in estro e deporre delle uova anche senza maschio ,che proteggerà da tutti con beccate! per evitare momenti di tensione è bene non tenere nidi , cestini e qualsiasi altro oggetto che possa incentivare la deposizione
...il alcuni casi ci sono femmine che difendono la loro gabbietta considerata loro territorio se le beccate si ripetono troppo frequentemente consiglio di avere a disposizione piu gabbie da alternare...in ogni caso  quando stanno fuori e girano per casa tornano le docili di sempre .

COSA IMPORTANTE:
Gli agapornis non sono cagnolini e non hanno intelligenza paragonabile  ad un pappagallo di grossa taglia!
 Non pretendete l'impossibile da loro! come la risoluzione di giochi complessi destinati ai grandi pappagalli
 con alle spalle anni ed anni di addomesticamento!!!
Gli inseparabili sono animali con grande personalità.....
si riesce a capire quando sono felici, incuriositi da qualcosa, stressati , impauriti , nervosi !
 Si affezionano col tempo alle persone , è un piacere vederli girare per casa e appoggiarsi sulla spalla
 ...solo questo dovrebbe bastare per amarli!!!

Scrivo questo perchè non appena vendo un allevato a mano puntualmente
 dopo qualche giorno vengo richiamato sentendo le pretese piu assurde!

La domande piu frequenti sono queste:
  • Il pappagallino non viene subito sulla mia spalla perchè?
  • il pappagallino se lo chiamo non mi risponde perchè?
  • Ho comprato un giochino ma lui lo ignora perchè?
  • Il pappagallo vola in alto ed ha paura di me perchè?

Le risposte a queste domande possone essere riassunte in un' unica risposta:
DATE IL TEMPO AL VOSTRO NUOVO AMICO DI AMBIENTARSI!
 Qualsiasi animale o persona se messi in un ambiente nuovo è spaesato !
Gli agapornis prima devono fissare punti sicuri dove rifuggiarsi in caso di pericolo....la loro scelta va sempre nei punti piu alti da li guardano l'ambiente per parecchio tempo ...poi piano piano scendono e cominciano a curiosare ....e non appena arriveranno all'altezza umana scopriranno le persone , la fiducia in esse crescerà giono dopo giorno fino a che la spalla sarà il loro posto preferito , ameranno spulciare l'orecchio e i capelli e anche qualche carezzina o un bocconcino prelibato.....ma datelo solo se avranno fatto i bravi!



Vi racconto la storia di
pucci
La mia peste allevata a mano
Dopo aver avuto una coppietta da riproduzione era forte il desiderio di avere come animale da compagnia un agapornis allevato a mano
Facendo un giro nei vari annunci di animali su internet ne ho visto uno che diceva: "Vendesi Inseparabile allevato a mano color giallo limone".
L'allevatrice mi ha spiegato che si trattava della mutazione isabella, di cui mi interessava molto di più la docilità che il colore. Inizialmente, però, era diffidente e spaesata.
Eccola qui all'arrivo a casa mia un po' impaurita.

 novelli allevati a mano     inseparabile allevato a mano   isabella pallid agapornis  
All'inizio è stata dura poichè non si fidava in alcun modo di me, ma dopo qualche giorno di corteggiamento da parte mia, ha ceduto!!!        
allevata  allo stecco    stecco   roseicollis isabella pallid orologio
I miei "grattini" l'hanno proprio conquistata. Ricordo ancora l'emozione che ho provato quando, per la prima volta, è volata sulla mia spalla di sua spontanea volontà!!
Giorno dopo giorno è bello scoprire che si fida sempre più di me. Non appena torno dal lavoro fa di tutto per farsi vedere volando ininterrottamente da una parte all'altra della sua gabbietta. Dopo averla fatta uscire, la sua prima meta è sempre la mia spalla, poi come un razzo, svolazza per tutte le stanze: una piccola sosta in bagno a curiosare e poi su per lo stendino, una guardatina allo specchio e, non appena si stanca, si appoggia sulla mia spalla ed inizia a spulciarmi l'orecchio i e i capelli !Anche Pucci ha momenti di particare agitazione .....ho notato che diventa particolarmente mordace  quando la trascuro un po' e vuole attirare l'attenzione ma subito con coccole  e grattini ritorna l'armonia tra di noi....e le beccate si trasformano in leccate al  dido ! 
Prendendo sempre piu coppie e allargando il mio allevamento il tempo da dedicare a Pucci si era ridotto tantissimo....non volevo un pappagallino infelice rinchiuso in una gabbietta, la soluzione migliore è stata quella di trovarle un compagno ....
consapevole del fatto che tutte le attenzioni sarebbero state riservate al nuovo partner!  Ogni animale nel mio allevamento è  accoppiato con la mutazione piu adatta, per Pucci ho abbandonato questa filosofia....ho voluto ricreare una situazione più naturale possibile infatti per la prima volta non ero io a sceglierle il compagno  ma volevo fosse lei !!   in quel periodo il sessaggio mi aveva svelato che avevo tre maschi in esubero...un verde,un cobalto FB e un pezzato ....tutti apparentemente non adatti a lei !.ho messo Pucci in voliera con questi tre maschi e altri agapornis ..era grande la sua gioia   e da subito si è capito il suo debole per il pezzato! è stato subito amore !  
Pucci è diventata mamma e  difende la sua gabbietta ,il nido e il nuovo compagno da tutto e tutti! compreso me ...guai ad avvicinarsi sono beccate sanguinose! questo è un comportamento dettato dalla natura che ho dovuto accettare!
Ora ha finito di svezzare i piccoli e ho notato subito che la sua aggressività è notevolemente diminuita ....fuori dalla sua gabbietta è  tornata la Pucci di sempre ! tenera ed affettuosa come prima....mantiene una certa aggressività nel suo territorio e vicino al nuovo compagno !
 ....spero un giorno che sarà cosi grande la fiducia nei miei confronti da farmi accedere nel suo "territorio" con nido e compagno senza problemi.
Ecco alcune foto della neo mamma Pucci...dopo lo svezzamento dei piccoli si  lascia coccolare come un tempo!
Pucci puccige ddd



Allevo a mano  Roseicollis che nascono nel mio allevamento......
cvvc b onsieme pulcio maschio allevato a mano   

dzb gdgf roseicollis

Alcuni dei miei allevati a mano con i loro nuovi amici.......

 Ilaria e Iside                                      Simone e Iside                                           Elisa e Piccolina
 Ilaria e Iside  Agapornis Lutino  Elisa      
        Mattia "Laccio " e Laccio               Nicolò e Laccio                     Viviana e Laccio
   Mattia  nicolò laccio Viviana
                                                                          
                                                            

Torna alla Home  cnnb